I benefici di un percorso di crescita personale

Il concetto di crescita personale comprende vari aspetti, ma la vera domanda che dovresti farti è la seguente: perché devo crescere?

È una domanda apparentemente semplice, ma che richiede una risposta complessa ed articolata.

Le persone percepiscono il loro livello di soddisfazione da vari elementi, ma se le interroghi su come si sentono, difficilmente ti diranno che va tutto bene, cioè che sono soddisfatte nel complesso.

Spesso, la risposta "va bene, grazie" che si dà frettolosamente a una domanda riempitiva del tipo "come stai?" non è sincera. È una risposta data tanto per avviare una conversazione oppure nascondere i problemi e non parlarne.

Da sempre sono un sostenitore della felicità nelle piccole cose, ovvero di quella soddisfazione interiore che si costruisce passo per passo, mettendo insieme un pezzo alla volta.

Nel mondo di oggi, che ha una dimensione pubblica e di condivisione dei propri gusti e interessi, la soddisfazione viene fatta coincidere con il possesso di beni materiali o con il raggiungimento di alcuni status symbol.

L'immagine è così stereotipata che viene associata direttamente ai corsi di crescita personale, come se per crescita si intendesse solo quella economica.

Ma è chiaro che c'è un equivoco di fondo. Guadagnare di più e meglio, cogliere maggiori opportunità lavorative, fa parte del percorso di crescita, ma non è il risultato maggiore che puoi ottenere semplicemente perché non è raggiungibile focalizzandosi esclusivamente su di esso.

Chi accumula grandi risorse senza impegnarsi, probabilmente ha vinto la lotteria oppure ha ereditato una fortuna. La frazione di persone così ricche da non doversi preoccupare del proprio futuro è talmente bassa, da risultare insignificante in un calcolo statistico dei livelli di soddisfazione media di un individuo.

Parliamo di persone reali, di te, di me, della tua famiglia, di chi ti conosce.

Noi tutti viviamo delle vite abbastanza complicate dal farci ritenere che, come minimo, l'impegno ce lo stiamo mettendo.

Ecco perché non credo molto ai quei corsi fatti di frasi motivazionali, di inviti a tirare fuori il leone che c'è dentro di te e via discorrendo.

Il problema non è la quantità dell'impegno che ci metti, ma la qualità dello stesso.

E ritengo che non conta la strada che prendi, ma cosa diventi durante il percorso di crescita.

Nell'ultimo anno ho introdotto il concetto di Metodo Ongaro®, che è anche il titolo del mio ultimo libro pubblicato, ma soprattutto l'essenza del programma di membership che ho lanciato recentemente, che ti consente di accedere a tutti i miei corsi.

Ho voluto mettere l'enfasi sul carattere scientifico della promessa di cambiamento insita nel Metodo. E perché?

Perché ormai la scienza ci ha dimostrato ampiamente che non puoi semplicemente cambiare con un atteggiamento positivo o con una forza di volontà esplosiva. Le frasi motivazionali possono incitare, scatenare un po' di entusiasmo, ma lì finiscono. E questo perché come individuo non cambi adottando semplicemente un nuovo punto di vista.

L'entusiasmo riveste una sua importanza perché determina un atteggiamento positivo, che predispone al cambiamento, ma non è il cambiamento stesso. Che succede quando sei giù di tono (perché capita, è fisiologico)?

Si ferma il cambiamento?

Sarebbe come dire che lavori solo con il cielo sereno e te ne stai in casa con la pioggia. È chiaro che serva un atto di responsabilità nei confronti di te stesso. Nulla ti vieta di acquistare un ombrello per uscire di casa e fare il tuo dovere.

Tutti i cambiamenti psicologici e fisiologici nel nostro organismo passano necessariamente da una fase di allenamento e adattamento, che incide a tal punto da modificare la struttura del nostro DNA.

L'epigenetica è un ramo della biomedicina che studia come i comportamenti e le scelte sono in grado di operare dei cambiamenti a un livello profondo, determinando risposte differenti che coinvolgono vari aspetti della nostra salute.

C'è anche il rovescio della medaglia, le fasi di allenamento e adattamento possono comportare l'acquisizione di vizi poco salutari che influiscono negativamente sul raggiungimento dei tuoi obiettivi.

Se alleni il tuo cervello alla sigaretta, i collegamenti si modificheranno perché ne richieda sempre di più. Questo stimolo che innesca il vizio può essere sostituito per impiantare una nuova abitudine.

Lo stesso meccanismo scientifico sorregge tanto una scelta negativa, quanto una positiva.

Allora perché devi intraprendere un percorso di crescita personale?

Immagina la tua vita come una partita a scacchi contro un avversario che è una versione di te stesso negligente, pigra, viziata, poco ambiziosa, rinunciataria,  insicura, dipendente. Ogni mossa è finalizzata ad arrivare alla vittoria, a dare scacco matto a questa versione di te che non funziona, ma che comunque ha abbastanza pedine in gioco per metterti  in difficoltà.

Se la metafora ti è chiara puoi capire come mai devi fare la tua mossa, devi andare avanti. Non puoi accontentarti di giocare e nemmeno di aver sistemato le pedine e fare la prima mossa. 

Poi può andare in diversi modi, c'è chi vince, c'è chi perde, c'è chi lotta e si protegge dall'avversario con un arrocco. Ma può anche capitare che trovi qualcuno che ti suggerisca le mosse giuste da fare, portandoti a conseguire un enorme vantaggio sul tuo avversario.

Un aspetto da non sottovalutare è che la partita ha luogo anche se tu non giochi. 

E questo per un motivo ancora più semplice: il tempo. Tante persone faticano a rendersi conto di quanto sia prezioso il tempo, di quanto limitato sia, di quanto tempo sprechino in attività che non comportano alcun miglioramento, alcun progresso.

Che tu lo voglia o no dovrai sempre fare i conti con il tempo. Prima ti siedi alla scacchiera, prima avrai sconfitto il tuo avversario. Cioè quella parte di te che ha sempre remato contro per la sua tendenza a rinunciare, a procrastinare, a non cogliere le giuste opportunità.

I benefici concreti di un piano di crescita personale

Quando intraprendi un vero percorso di crescita legato a un metodo scientifico,  paradossalmente, ciò che acquisisci è una valigia degli attrezzi. La cosa buffa - e ci tengo a sottolinearlo - è che molti corsi di crescita personale vogliono convincerti che tu già possiedi questi attrezzi e devi semplicemente tirarli fuori ed arrangiarti.

Ti dicono: sii motivato! Migliora la tua autostima! Non procrastinare!

Ma mica è così semplice!

Un percorso di crescita non deve fornirti le soluzioni per tutto, né tantomeno affogarti con le parole d'ordine. Deve darti gli strumenti per gestire al meglio ogni problema.

Ti faccio un altro esempio.

All'interno della mia membership chiamata Soul Camp™ c'è un valido corso sulla meditazione apprezzato da tanti. Lo scopo del corso non è insegnarti a meditare anche se il corso si chiama "Impara a meditare".

La meditazione è un mezzo, un attrezzo, che ti deve consentire di operare scelte meno istintive, più logiche, razionali, deve aiutarti a essere calmo, a gestire meglio le emozioni, essere paziente e riflessivo. Se impari a meditare per il gusto di farlo e basta, non cambierà nulla. 

Tra gli strumenti che acquisisci c'è pure la "famigerata" autostima. Non è forse vero che tantissimi corsi di crescita personale fanno leva sull'autostima per dirti come migliorare? È un po' la coperta di Linus di tanti presunti formatori e coach.

Ma l'autostima da sola non basta, così come la capacità di autocritica. Eppure tanti coach partono proprio dall'autostima, dalla motivazione, dalla forza di volontà. Sono tutti elementi messi a dura prova dal più banale dei motivi: il quotidiano.

Sono aspetti che devi costruire, coltivare, fare tuoi. Perché attraverso di essi puoi perfezionare la crescita e progredire. Quante volte ti sarà capitato di aver fatto progetti di cambiamento che poi si sono infranti con la dura realtà?

Devi avere la pazienza di capire che serve un passo alla volta. Prima impari a gestire la motivazione, poi capisci come tenere viva l'autostima e migliorarla, come pianificare e gestire il tuo tempo e così via. Non ti si può chiedere di raggiungere la felicità dando per scontato che tu possieda tutti questi strumenti in partenza.

Se hai avvertito questa sensazione di abbandono, ti capisco.

Un vero percorso di crescita ti fornisce quegli strumenti necessari per prepararti alle sfide personali. Ovviamente alcune scelte sono dettate dai bisogni, dalle urgenze, dai desideri.

C'è chi desidera migliorare il suo aspetto, chi vuole migliorare nel lavoro, chi desidera più sicurezza economica, chi spera di ottenere di meglio dalla vita sentimentale e così via.

Un vero percorso di crescita personale migliora le tue abilità comunicative, gestionali, riduce la tendenza alla procrastinazione, ti fornisce conoscenze essenziali sui modelli di comportamento delle persone, influisce nel modo in cui consideri le persone, ti restituisce delle coordinate fondamentali con le quali puoi identificare al meglio le tue aree di miglioramento.

In aggiunta ti illustra come funziona la fisiologia del tuo organismo, come puoi indurre cambiamenti fisici e psichici che accorciano la curva di apprendimento, rendendo ancora più potenti gli strumenti a tua disposizione.

Per questo penso che dovresti valutare la sottoscrizione del mio programma di membership chiamato SOUL CAMP™. Contiene un bagaglio di conoscenze complete che ti consentiranno di attuare una vera trasformazione, dandoti gli strumenti giusti per cambiare la tua vita in modo definitivo.

ENTRA ORA IN SOUL CAMP!

Condividi questo post:

Medico degli astronauti dal 2000 al 2007, autore di 12 libri (Bestseller), ideatore del Metodo Ongaro® per l'alta prestazione e la crescita personale.

Lascia un tuo commento