Come iniziare a meditare e quando farlo

Come iniziare a meditare e quando farlo

Indice

Come iniziare la meditazione e ottenere quei vantaggi di cui si parla tanto? Oggigiorno si parla molto di meditazione, forse per via dei livelli di tensione e insoddisfazione personale che sembrano essere sempre più alti.

I dati parlano chiaro: fenomeni come ansia, depressione, ipertensione, insonnia, tutti legati a stati d’animo negativi, sono sempre più diffusi.

Le cure farmacologiche, quando esistono, rappresentano un compromesso necessario ma difficilmente permettono di risolvere i problemi a monte.

La psicoterapia può indubbiamente contribuire a snodare situazioni ingarbugliate e complesse ma la resistenza che molti hanno all’idea di farsi trattare da uno psicologo e i costi, ne limitano la diffusione.

Per cui molte persone rimangono sole nel loro stato di disagio, non abbastanza intenso da cercare aiuto clinico ma sufficiente a rendere la vita grigia e amara.

La meditazione rappresenta un’opportunità di riconnettersi con se stessi, di perdonare errori, superare traumi e creare uno spazio nuovo nel rapporto tra noi e noi, fondato sull’armonia, sull’accettazione e sull’assenza di stress.

Meditare è un vero e proprio allenamento che invece di agire sui muscoli lavora a livello del cervello e almeno per chi la affronta in modo più olistico, sullo spirito.

Con il tempo la pratica della meditazione induce delle vere e proprie modificazioni a livello cerebrale che si traducono in comportamenti e atteggiamenti differenti.

Cambia la distribuzione delle onde cerebrali con il prevalere di frequenze che esprimono calma e armonia e dall’emergere di stati d’animo differenti si passa poi alla manifestarsi di veri e propri tratti comportamentali nuovi rispetto a prima.

Non si tratta di una risposta miracolosa ma al contrario di un meccanismo che sfrutta la naturale plasticità e adattabilità del sistema nervoso centrale.

Come si impara a meditare

Spesso le esagerate aspettative spirituali, religiose e filosofiche allontanano le persone da una pratica che dovrebbe essere vista innanzitutto come un modo di sentirsi meglio sul piano psicofisico.

La meditazione si impara provando

Trattandosi di un’esperienza interiore solo la persona stessa può capire cosa sta effettivamente accadendo e come quello specifico stato può essere indotto nuovamente. 

Però è anche vero che tanti hanno difficoltà a rilassarsi, a concentrarsi, a trovare 10 minuti del loro tempo. E spesso non conoscono le tecniche basilari, con le quali indurre uno stato di calma.

In termini generali si tratta di adottare alcuni semplici passi:

  1. Prendersi inizialmente solo 5-10 minuti di tempo.
  2. Trovare un luogo calmo, piacevole e isolato.
  3. Sedersi in una posizione non così comoda da favorire il sonno ma nemmeno così scomoda da rimanere in tensione.

In genere il bordo di una sedia con la schiena diritta e la mani sulle ginocchia va benissimo.

Oppure si possono scegliere vari tipi di sgabelli per la meditazione o per chi se la sente, sedersi per terra. Pochi possono rilassarsi nella posizione del loto ma ci si può ovviamente arrivare con il tempo.

In questo contesto si possono chiudere gli occhi e ci si può concentrare sul respiro, in modo dolce, usando l’addome, facendo entrare l’aria dal naso e lasciandola uscire dalla bocca.

Basta concentrare l’attenzione sul respiro. Ovviamente la tendenza del cervello sarà quella di pensare, di distrarsi. È del tutto normale e l’effetto della meditazione sta proprio nel lasciare che questo accada per poi riportare l’attenzione sul respiro. Questo è il principale meccanismo che induce i risultati.

Non va ricercata una teorica perfezione ma si deve invece assaporare nei dettagli l’esperienza e continuare a ripeterla.

Al processo si può aggiungere un mantra, una parola o una frase che ci riporti nello stato d’animo corretto.

Gli errori da non commettere quando si medita

Non aver pazienza

La meditazione va approcciata diversamente da un farmaco e una delle cose che deve crescere attraverso la pratica della meditazione che fai è proprio la pazienza. La pazienza nei confronti dei risultati e la pazienza nei confronti della tua vita e del mondo in generale.

Dunque il primo punto su cui lavorare è: aspettati delle cose diverse, delle tempistiche diverse, delle risposte diverse, ma non avere fretta, ci vorrà del tempo.

Sii paziente con te stesso, sii paziente con la pratica che stai adottando perché si tratta di una cosa complessa e che per certi aspetti non è del tutto sotto il tuo controllo.

Farla diventare un dovere quotidiano

Esercitare pressione e far diventare la meditazione l'ennesimo dei doveri. Anche qui non può funzionare in questo modo; la meditazione è basata sul lasciarsi andare, sul lasciarsi trasportare. La meditazione può accadere ma non deve accadere, non deve avvenire.

Non è che puoi dire adesso sono le 8:00 di mattina e devo meditare per 15 minuti e deve succedere che ho le visioni mistiche in quei 15 minuti... magari fosse così semplice. Lascia stare, lascia andare, non deve diventare un ulteriore dovere per te.

Può diventare la tua oasi, il tuo spazio, dove ti metti lì e non ti aspetti nulla tranne che il riscoprire qualcosa che ci siamo veramente dimenticati, che è il rapporto con noi stessi.

Confondi meditazione e rilassamento

La meditazione è un sottile equilibrio tra rilassarsi e rimanere in allerta. Stai compiendo comunque una pratica, quindi devi trovare il modo di lasciarti andare. La meditazione riguarda più la tua capacità di essere vigile che di subire la realtà.

Non allontani i pensieri negativi

La meditazione ti darà la forza di allontanare la negatività, ma è assolutamente normale che tu abbia pensieri negativi durante le sedute. Importante è non viverli, ma lasciarli andare così come vengono.

Aspettarti risultati immediati

Se hai iniziato a meditare da tanto tempo e non hai ottenuto risultati o stavi cercando risultati che la meditazione non può darti oppure commetti degli errori. Come... cercare risultati troppo immediati, non riuscire a raggiungere un vero stato meditativo.

Non trovare il tempo per meditare

Molte persone come scusa usano il tempo. A pensarci bene è la scusa più abusata dire "non ho tempo", ma la verità è che bastano 10 minuti al giorno e sei a posto. Perdiamo troppo tempo nello smartphone, in attività che non producono alcun beneficio, mentre la meditazione... continuata nel tempo, dà solo benefici.

come meditare con successo

Quali sono le tecniche di meditazione per principianti

Esistono vari approcci alla meditazione, una pratica che ha origini molto lontane e che solo in anni recenti è diventata oggetto di numerose ricerche scientifiche.

Una delle pratiche oggi più diffusa, proprio perché nata in tempi moderni e già un’ottica scientifica, è la mindfulness.

Si tratta di una forma di meditazione che mira ad innalzare il livello di consapevolezza e che mette da parte le componenti religiose e spirituali che per molti rimangono un ostacolo difficile da superare.

La meditazione mindfulness è stata utilizzata con grande successo nella gestione dell’ansia.

Tuttavia, in alcuni casi, l’idea di stare fermi immobili e di concentrarsi sul proprio respiro può addirittura suscitare un aumento della sensazione di ansia. In questi casi può essere molto utile provare a meditare camminando.

Si può scegliere un luogo a noi familiare, magari in mezzo alla natura, e provare a concentrarsi sul ritmo del cammino, sul proprio respiro e sull’ambiente circostante.

Il segreto è quello di farsi trasportare dalle sensazioni e non dai pensieri.

Riuscire a sentire il ritmo dei passi, il rumore delle foglie, il vento tra gli alberi sono gli elementi che rendono questa forma di meditazione bellissima ed estremamente efficace.

Con la meditazione puoi migliorare la qualità della tua vita disponendo di una nuova arma potente, che può incidere sui tuoi rapporti personali, nella sfera affettiva e in quella professionale, grazia a una ritrovata calma ed energia.

Assicurati di imparare a meditare con le tecniche giuste, per ottenere i risultati che desideri nel tempo, facendo della meditazione lo strumento principale del tuo benessere.

VOGLIO CONOSCERE LE TECNICHE GIUSTE!

Condividi questo post:

Filippo Ongaro

AUTORE

Filippo Ongaro

Medico degli astronauti dal 2000 al 2007, autore Bestseller, ideatore del Metodo Ongaro® e ambasciatore Still I Rise

Lascia un tuo commento