Malattie della pelle: quali sono le principali e come prevenirne l’insorgenza?

Malattie della pelle: quali sono le principali e come prevenirne l’insorgenza?

Indice

La nostra pelle dice molto di noi. Sappiamo che una esposizione ai raggi solari non adeguatamente schermata da un filtro protettivo può causare seri danni nel lungo termine, così come l’abuso prolungato del fumo di tabacco. Anche un’alimentazione sregolata può non aiutare la salute della nostra pelle.

Infatti, la giusta nutrizione e una corretta idratazione possono essere preziosi alleati della nostra barriera cutanea. Oltre a visite di controllo periodiche ed esami di screening preventivo, nel nostro piccolo possiamo fare qualcosa per tutelare la nostra salute: seguire uno stile di vita corretto può contribuire a ridurre l’insorgenza di alcuni disturbi.

Quanto è importante tenere sotto controllo la salute della pelle?

La pelle può essere spia di numerose patologie sistemiche (che colpiscono cioè più apparati e organi). Tanto per fare un esempio, l’infiammazione cutanea può promuovere la comparsa di malattie cardiovascolari, patologie reumatologiche e respiratorie. 

Per queste ragioni, un paziente con malattie infiammatorie cutanee quali psoriasi, orticaria o dermatite atopica, deve essere seguito dal dermatologo, il professionista che saprà fornire indicazioni mirate al proprio quadro clinico. 

Inoltre, ricordiamo sempre l’importanza della prevenzione: la mappatura dei nei andrebbe eseguita regolarmente, per prevenire e cogliere in tempo l’insorgenza di eventuali neoplasie cutanee. 

Scopri il video-corso gratuito "POTENZIA LA TUA SALUTE"

Principali malattie della pelle

Ecco un elenco orientativo di alcune patologie cutanee:

Psoriasi. Non si tratta di una patologia vera e propria, quanto piuttosto di una atipicità della crescita dell'epidermide; può comparire e scomparire in modo spontaneo. Nelle aree cutanee interessate dal disturbo (soprattutto area lombo- sacrale, gomiti e ginocchia, cuoio capelluto) si formano placche in rilievo, di colore rosso vivo, rivestite da squame biancastre. Questo disturbo può insorgere a qualunque età. L’approccio terapeutico sarà necessariamente personalizzato, in relazione al tipo di psoriasi e alle caratteristiche specifiche.

Pitiriasi

Si manifesta tramite lesioni eritematose su tutto il corpo, in particolare petto, addome, schiena, braccia, gambe, più raramente su viso e collo o palmi delle mani e piante dei piedi. Potrebbe comparire prurito. La causa del disturbo è ancora sconosciuta. L’osservazione regolare della chiazze consentirà al medico di fare una diagnosi corretta. Le chiazze tendono a scomparire spontaneamente, anche senza un trattamento. Il medico terrà traccia dell’evoluzione, e potrà eventualmente prescrivere una forma di trattamento per il prurito.

Dermatiti

La dermatite è una malattia infiammatoria che riguarda gli strati superficiali della pelle. Il termine “dermatite” fa riferimento a diverse patologie che provocano eruzioni eritemato-pruriginose. Troviamo diversi tipi di dermatite: dermatite atopica o eczema, dermatite allergica da contatto, dermatite irritativa da contatto, dermatite seborroica. Quasi sempre compaiono secchezza e arrossamento cutaneo, prurito anche intenso. La diagnosi e la terapia dipendono dal tipo di dermatite e dall’andamento della stessa.

Herpes

Possono essere individuati due tipi di herpes: simplex e zoster. L’Herpes Simplex riguarda un’infezione virale, con la comparsa di piccole vescicole dolorose su pelle, labbra, occhi o genitali. Dopo la prima manifestazione a livello epidermico, il virus risale lungo i nervi e resta latente, riattivandosi in seguito a condizioni di stress psicofisico. L’Herpes Zoster è noto anche come fuoco di Sant’Antonio, ed è riconducibile a una riattivazione del virus della varicella. Il rash cutaneo è pruriginoso e doloroso. Anche in questo caso, dopo la prima manifestazione a livello della pelle, il virus permane in stato quiescente nei gangli nervosi, ri- manifestandosi in seguito a forte stress psico- fisico. In entrambi casi, il trattamento prevede la somministrazione di farmaci topici e/o sistemici.

Candidosi

È un’infezione di cute e mucose causata da funghi, il più comune dei quali è Candida albicans. L’infezione è solitamente superficiale e può colpire la bocca (candidosi orale), la cute (candidosi cutanea) o i genitali (candidosi genitale), determinando la formazione di chiazze rosse o bianche, con irritazione e prurito. La terapia può essere topica o sistemica e prevede l’utilizzo di antimicotici.

Verruca

È una formazione cutanea provocata dal virus del papilloma umano. Può causare dolore se si esercita pressione. In relazione al ceppo virale coinvolto e alla sede di penetrazione del virus, possono essere individuate diverse forme di verruca: verruche volgari, verruche plantari, verruche piane. I trattamenti più utilizzati sono alcuni preparati, la crioterapia, laserterapia o asportazione chirurgica.

Acne

Si tratta di una infiammazione dei follicoli pilo sebacei; si manifesta principalmente con la comparsa del brufolo: prima si formano i punti neri o comedoni, poi le papule o pustole (i brufoli veri e propri) e, nei casi più severi, noduli o cisti sottocutanee. A seconda del grado di severità dell’acne, il dermatologo saprà suggerire il trattamento (spesso topico) più adeguato. In questo caso, le abitudini comportamentali incidono significativamente (non schiacciare i brufoli, evitare il fumo, evitare l’utilizzo di prodotti cosmetici comedogeni, seguire una dieta equilibrata, etc).

Eritema

Con il termine eritema si fa riferimento a un arrossamento cutaneo che può essere circoscritto a una sola area o esteso a più distretti del corpo; questo arrossamento scompare alla digitopressione, per poi ricomparire al rilascio della stessa (caratteristica tipica). Le cause possono essere infettive, emotive, allergiche, e non solo. All’eritema possono essere associate altre patologie, in gran parte cutanee. Dato che l’eritema non è una malattia a sé stante, ma un sintomo comune ad altre condizioni, la terapia dipenderà dal disturbo che è alla base.

Orticaria

Si tratta di un’eruzione cutanea caratterizzata dal manifestarsi di pomfi rosei o bianchi di diverse dimensioni; generalmente compaiono fastidio, prurito o dolore. Spesso, le forme acute di orticaria sono scatenate da allergie ad alimenti o farmaci. Il trattamento del disturbo dipende per gran parte da una adeguata identificazione dei fattori scatenanti da parte del dermatologo.

Dermatofitosi o tinea

Si tratta di una infezione micotica della cute e delle unghie, provocata da alcuni funghi; le dermatofitosi sono classificate in relazione alla localizzazione sul corpo. I sintomi e i segni includono rash, desquamazione e prurito. Questi disturbi vengono solitamente trattati con farmaci antimicotici e talvolta cortisonici.

Stile di vita equilibrato e alimentazione sana: quanto influiscono sulla salute (anche della pelle)?

Ricordiamo che per curare le patologie cutanee è necessario l’intervento di uno specialista, il dermatologo, il quale può indicarci un trattamento di tipo farmacologico o suggerirci ulteriori, eventuali accertamenti, nel caso in cui valutasse che lo sfogo cutaneo può essere correlato ad altre condizioni patologiche. 

I suggerimenti che leggi in questo contributo non intendono sostituire il rapporto medico- paziente, ma hanno lo scopo di sensibilizzare tutti noi all’adozione di uno stile di vita equilibrato, fatto di abitudini regolari e amiche della salute, per vivere meglio e abbassare il rischio di alcune patologie.

Quello che possiamo fare quotidianamente è cambiare le nostre abitudini per abbassare l’incidenza di patologie, prevenire eventuali squilibri ormonali, talvolta responsabili di disturbi cutanei, scacciare lo stress (gli sfoghi cutanei hanno spesso un’origine psicosomatica), rinunciare al cibo spazzatura (cibi grassi, fritti, irritanti non possono che incidere sulla nostra salute) e ad altre cattive abitudini, come ad esempio il fumo.

Alimentazione regolare ed equilibrata

Carenza di nutrienti importanti, consumo eccessivo di cibi raffinati, zuccherini o grassi, inadeguato livello di idratazione (almeno un litro e mezzo di acqua al giorno è l’ideale) possono contribuire a peggiorare la nostra salute e quella della nostra pelle. Tra i nutrienti amici del nostro benessere troviamo:

Attività fisica e buone abitudini

La dermatite o la psoriasi da stress è un tipico esempio di reazione psicosomatica. Come possiamo stemperare lo stress di una vita frenetica? Ci sono tanti modi: fare sport o anche semplicemente una passeggiata o camminata veloce quotidiana, ancora meglio se in mezzo al verde. 

Anche la meditazione è una valida pratica per gestire le emozioni (stress, rabbia) e acquisire consapevolezza. Puoi meditare per cinque minuti al giorno, come ti illustro in un video. In generale, ritagliare tempo da dedicare a se stessi e a ciò che si ama fare è un ottimo rimedio per decomprimersi, liberare la mente e ritrovare entusiasmo e voglia di fare. 

Se le nostre emozioni sono in equilibrio, anche la nostra salute fisica ringrazierà. Inoltre, non dimentichiamo di dormire adeguatamente (7- 8 ore di sonno notturno sarebbero l’ideale) e di eliminare vizi quali fumo e alcol. Non è subito immediato, ma con un buon lavoro interiore (che include forza di volontà, costanza e amor proprio) possiamo migliorare sensibilmente la nostra salute e la nostra vita.

Se desideri capire come poter cambiare le tue abitudini in meglio, per alzare la qualità della tua vita, ti suggerisco di seguire il mio videocorso gratuito Potenzia la tua salute, che ti insegnerà ad applicare le più valide strategie scientifiche per prevenire le malattie, potenziare la tua salute e vivere una quotidianità migliore.

Scopri il video-corso gratuito "POTENZIA LA TUA SALUTE"

Condividi questo post:

Filippo Ongaro

AUTORE

Filippo Ongaro

Medico degli astronauti dal 2000 al 2007, autore Bestseller, ideatore del Metodo Ongaro® e ambasciatore Still I Rise

Lascia un tuo commento